EISHOCKEYCLUB BLACK WINGS LINZ

Lo Sportunion Eishockey Club Black Wings Linz nasce, nel 1992, dalle ceneri del movimento locale attivo dopo la costruzione del primo impianto cittadino a metà anni ’80. Infatti la forte crisi finanziaria che porterà al fallimento l’UEC Algeda Oberösterreich (fusione di qualche stagione prima tra UEC Linz e ATSV Steyr), che si trovava a partecipare la Nationalliga (AUT-2), costringe un gruppo di genitori a fondare una nuova società per dare continuità all'attività dei propri figli.

Inizia l’attività a livello giovanile e successivamente come prima squadra nelle leghe regionali; dalla stagione 1994/95 approda in Nationalliga (AUT-2) dove partecipa per sei stagioni consecutive, il miglior risultato è la partecipazione ad una semifinale play-off. Dalla stagione 2000/01 sale in massima serie (Bundesliga) e in soli tre anni raggiunge il titolo nel 2002/03 battendo l’EC Villacher SV (dopo aver perso contro i carinzani la finale della stagione precedente). Nella stagione 2003/04 è tra le fondatrici della Erste Bank Eishockey Liga. Al termine della stagione 2004/05 lo Sportunion EHC Superfund Black Wings Linz (presidente Wolfgang Steinmayr) fallisce per problemi finanziari, il titolo sportivo viene acquistato al neonato EHC Liwest Black Wings Linz (presidente Wilfrid Wetzl). Con il nuovo assetto societario sfiora il titolo nel 2009/10 perdendo in finale con l’EC Red Bull Salzburg; si rifarà velocemente vincendo nel 2011/12 contro l’EC Klagenfurter AC.

A livello internazionale vanta due partecipazioni alla IIHF Continetal Cup (2002/03 e 2003/04), dove disputa due gironi di semifinale, e due patecepazioni ai gironi di CHL (2015/16 e 2016/17).

Disputa i suoi incontri alla Linzer Eissporthalle, denominata per motivi di sponsorizzione KeineSorgen EisArena dal 2008 a gennaio 2020 e successivamente Linz AG EisArena. L’impinato cittadino è stato costruito nel 1985 e successivamente rinnovato in diverse occasioni portando la capienza a 4.865 posti.

(aggiornamento al 01/09/2020)

 

 

EVOLUZIONE LOGO SOCIALE

 

In rosso i dati non certi.

 

Qui di seguito le statistiche dell'HCB con la compagine dell'Alta Austria (aggiornate al termine della stagione 2019/20).